Storia

2002:
L’ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA SILENZI ALESSANDRO calcio a 5 nasce in estate a Porto San Giorgio (AP) con il nome “Polisportiva Alessandro Silenzi” e si iscrive al campionato locale UISP di calcio a 5.
L’artefice principale dell’iniziativa è il presidentissimo Luca Paganini che mette in piedi dal nulla una società che, attraverso una squadra di calcio a 5 e l’organizzazione di alcune manifestazioni sportive, ricordi per sempre il nome di Alessandro Silenzi, guardia giurata di 30 anni uccisa il 2 Novembre 2001 a seguito di una rapina avvenuta nell’ufficio centrale delle poste di San Benedetto del Tronto.

Animata da questo spirito, la Polisportiva Silenzi inizia l’avventura nel campionato UISP disputandovi le stagioni 2002/03 e 2003/04.

2004:
Anno della svolta poiché la Polisportiva Silenzi si affilia alla FIGC e cambia denominazione in A.S.D. Silenzi A. calcio a 5. Le difficoltà del campionato di serie D 2004/05 sono sicuramente maggiori rispetto a quelle che si hanno nei campionati amatoriali, ma la squadra regge il colpo.

Stagione 2005/06:
In campionato l’A.S.D. Silenzi per la prima volta conquista i play off per la promozione in serie C2, ma viene eliminata da Real San Giorgio (4-2 all’andata, 2-5 al ritorno) che passa il turno e poi sarà promossa.

Stagione 2006/07:
La rosa viene radicalmente modificata a causa di alcune defezioni importanti, ma la stagione viene ugualmente onorata anche se alla fine i play off vengono solo sfiorati.

Stagione 2007/08:
Il terzo posto a pari merito con Real San Giorgio vale di nuovo i play off promozione, ma la storia si ripete e gli avversari di sempre passano di nuovo (3-3 all’andata, 2-4 al ritorno).

Nell’agosto 2007 viene creato il sito ufficiale http://www.silenzic5.it/.

Nel settembre 2007 è inoltre istituita una seconda squadra dell’A.S.D. Silenzi A. iscritta che partecipa al campionato amatoriale del Centro Sportivo Italiano (CSI) di Fermo, giungendo fino alle Finali Regionali disputate a maggio 2008 presso l’impianto Sportland di Grottamare (AP). Il progetto però dura per una sola stagione.

Stagione 2008/09:
In estate cambia di nuovo la denominazione della società che diventa A.S.D. Futsal Silenzi.

Il 27 marzo 2009 arriva il primo trofeo per la Futsal Silenzi che si aggiudica la Coppa Marche provinciale AP battendo in finale La Vela Rossobleu per 7-3.
Nella finale regionale, svoltasi con un quadrangolare a Lucrezia di Cartoceto (PU), la Futsal Silenzi esce sconfitta dal CUS Camerino per 2-1 in semifinale.
In campionato arriva solo un 6° posto, frutto di una stagione difficile nella quale la continuità è spesso venuta a mancare.

Stagione 2009/10:
L’estate 2009 porta un altro trofeo in casa della Futsal Silenzi: si tratta della prima edizione del Trofeo Mandolesi-Silenzi, organizzato dalla società congiuntamente alla Polisportiva Umberto Mandolesi. Si tratta di una partita secca, da giocare nella splendida cornice dell’Arena Europa in Porto San Giorgio. La partita finisce 4-1 e un altro titolo, seppur non ufficiale, è in bacheca.
La Coppa Marche conquistata alcuni mesi prima non viene difesa adeguatamente con una eliminazione al primo turno senza subire sconfitte.
Il campionato 2009/10 resterà impresso nella storia della società per la prima storica promozione in serie C2, frutto di una stagione culminata alla penultima di campionato con l’indimenticabile vittoria in trasferta per 4-3 contro la diretta concorrente Libertà di Movimento.

Stagione 2010/11:
La stagione si apre con la sofferta affermazione nella 2a edizione del Trofeo Mandolesi-Silenzi, nel quale la squadra bissa il successo dell’anno precedente prevalendo 7-5 dopo i calci di rigore (i tempi regolamentari si erano conclusi 3-3).
In Coppa Marche di serie C (C2 e C1 unificate) l’avventura si arresta al 2° turno senza però subire alcuna sconfitta: lo score finale indica due vittorie al primo turno e due pareggi nel secondo turno.
Il campionato si conclude con un sorprendente quarto posto e quindi con i play-off.

Stagione 2011/12:
La stagione inizia con una bella affermazione nel primo turno di coppa marche contro la squadra che poi vincerà la serie c2 , ma usciamo nel secondo turno contro una squadra di categoria superiore.  Il campionato inizia con i migliori auspici e infatti dopo le prime 10 giornate ci troviamo a lottare per la prima posizione , ma qualcosa si inceppa e chiudiamo la stagione con un settimo posto niente male.

Le vittorie sportive sono sempre molto importanti, ma l’obiettivo di questo progetto è quello di essere primi per quanto riguarda la correttezza e la sportività nei rapporti interpersonali, nei rapporti con gli avversari e nei rapporti con gli arbitri.
TUTTO QUESTO PER TENERE SEMPRE ALTO IL NOME DI SANDRO.

Seguici su Facebook

Archivio Notizie